Come continuare ad essere te quando diventi mamma

Sei diventata mamma, la tua vita è cambiata e stai realizzando che in questo nuovo ruolo ti
stai dimenticando di te e delle tue aspirazioni? In questo post ti spiegherò com’è possibile
continuare ad essere una donna con passioni ed interessi.

Continuare ad avere aspirazioni non vuol dire amarlo di meno

Forse il tuo problema è che credi che se pensi a te stessa vuol dire che non ami abbastanza
tuo figlio? In realtà è vero il contrario. Se tu ti annulli per amore suo rischi di avere un
tracollo fisico e di riversare su di lui la tua frustrazione e il risentimento per ciò che senti di
non essere più.
Si sa che i bambini sono come spugne e assorbono i sentimenti delle figure che li
accudiscono quindi se sei una mamma appagata tuo figlio non potrà che beneficiarne e
la tua relazione con lui (e con gli altri) sarà migliore e più serena.

Il tuo rapporto con tuo figlio sarà più equilibrato e tu sarai meno apprensiva,
regalandogli in questo modo autostima ed indipendenza. Inoltre se non farai di lui la tua
unica ragione di vita eviterai di sentirti crollare il mondo addosso quando, una volta
cresciuto, ti lascerà per prendere la sua strada e cominciare a vivere la sua vita da adulto.
Un’altra cosa a cui di solito noi mamme non pensiamo è che i bambini imparano molto più
dall’esempio che dalle parole quindi se vuoi insegnargli ad essere felice, ad avere cura di
sè e a realizzarsi tu devi cercare di farlo per prima.

Come trovare tempo per te con un bimbo piccolo

I neonati richiedono molte attenzioni e all’inizio è difficile riuscire a capire come gestire la
situazione, soprattutto quando la stanchezza ha il sopravvento. Proprio per questo motivo
devi sempre ricordarti che anche tu sei una persona con necessità ed esigenze quindi devi
ritagliarti sin da subito del tempo per te. Mi raccomando però che deve essere tempo da
dedicare al riposo e alla cura di te, non a svolgere una delle tante incombenze che hai!
E’ importante dormire il più possibile perchè altrimenti rischi il tracollo fisico quindi fallo
tutte le volte che puoi (anche insieme al bambino). Impara a non farti remore nel chiedere
aiuto a chiunque possa darlo: famigliari, amici e baby sitter. Ricordati che tuo figlio ha
anche un padre e che anche se non ha mai gestito un neonato è un essere umano adulto e
quindi in grado di aiutarti a badare al pupo (anche se all’inizio potrà sembrarti inetto, è solo
questione di tempo).
A volte dopo il parto si è così stravolte che diventiamo delle specie di zombie che si aggirano
per casa spettinati, in pigiama e dimenticandoci anche di mangiare: questo non va affatto
bene! Ricordati di mangiare in maniera appropriata, per avere più forze, evitando il cibo
spazzatura. Cerca di fare un po’ di attività fisica, anche solo una passeggiata, in modo da
sentirti meglio grazie al potere delle endorfine. Ricordati che sei ancora una donna quindi,                                                                                      appena puoi, cerca di dedicare un po’ di tempo alla cura del tuo corpo (magari
concedendoti anche un massaggio, ti sentirai rinata e super coccolata dopo).

Ricordati che per poter star bene devi cercare di essere tranquilla e riposata quindi a volte ti
toccherà trovare dei compromessi. Il tuo bambino appartiene alla categoria di quelli che
vuol sempre stare in braccio? Impara ad usare la fascia così potrai tenerlo mentre fai altro.
Dorme solo con te vicino? Fattene una ragione e usa una culla per il co-sleeping. Piange in
continuazione e ci sono dei momenti in cui senti di non farcela più? Se sei da sola e non
puoi lasciarlo a nessuno mettilo nella sua culla e allontanati per un po’ in modo da poterti
riprendere, nessuno è mai morto per aver pianto 10 minuti (ma non lasciarlo solo troppo a
lungo altrimenti sarà poi inconsolabile).

Continuare ad avere passioni e aspirazioni con un figlio è possibile?

Una volta realizzato che non puoi vivere solo in funzione di tuo figlio e superati i primi mesi
dopo il parto vedrai che tutto sarà più semplice. Tutto quello che devi fare è capire quali
sono le tue priorità e lavorare su quelle.
Poniti degli obiettivi realistici e organizzati per raggiungerli. Non importa a quale ambito
della tua vita si riferiscono(lavorativi o personali), l’importante è che tu li possa raggiungere e
che ti diano soddisfazione. Ricorda che ci vorrà un po’ più di tempo perchè con i bambini gli
imprevisti sono sempre dietro l’angolo ma devi essere convinta di potercela fare.
Tutto quello che devi fare è adattare le tue necessità alla presenza di un bambino. Hai
un hobby che adori? Ritagliati del tempo per continuare a farlo. Ami viaggiare? Organizza
dei viaggi a misura di bambino. Avresti dovuto laurearti ma non c’è stato tempo? Ritagliati
un’oretta al giorno per studiare.
Se il tuo lavoro ti piace e ti appassiona o se non vuoi fare solo la mamma continua ad
andare a lavorare. E’ vero che i bambini hanno bisogno del nostro tempo ma tuo figlio
soffrirebbe di più ad avere una mamma infelice e arrabbiata per non aver potuto seguire le
proprie aspirazioni.
Odi il tuo lavoro ma da un punto di vista economico non puoi rinunciarci? Comincia a
lavorare sul tuo rapporto coi soldi in modo da raggiungere la libertà finanziaria e poter
decidere di smettere di lavorare, ridurre le ore di lavoro o sostituirlo con uno che ti dia più                                                                                          flessibilità.

Articolo scritto da Roberta Barbieri
BLOG: www.ioricominciodame.net
Facebook: Io ricomincio da me
Instagram: io_ricominciodame
Youtube: Io ricomincio da me

Per rimanere sempre aggiornato sui nostri nuovi articoli e su tutte le novità, ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo Instagram @lastilosa.it e sulla nostra pagina Facebook lastilosa.it

LEGGI ANCHE: Gonna di Jeans: indossala così!  – 30 idee outfit per indossare al meglio la t-shirt bianca – Eliminare lo zucchero per vivere meglio

No Comments

Post A Comment